Come darle un orgasmo super


Alcuni Profili TOP, verificati manualmente

Aletata (23)
Carolina (26)
Marta (29)
Annalisa (25)
maricol (25)
Monica (27)
Annarita (28)
Manuela (31)
Nadia (31)
Vale92 (24)

Prova il nuovo trend degli incontri casuali, tutti ne parlano in Italia


Articolo del

Alcuni consigli e pratiche per regalare alla tua donna un orgasmo che ricorderà per molto tempo.

Molto spesso, ci sono uomini che non hanno una precisa idea, a volte neppure vaga, di come provocare alla propria donna, compagna, partner, moglie, fidanzata, un orgasmo super. Il motivo è semplice: mentre l'orgasmo maschile è molto meccanico, fisico, e immediatamente visibile a causa dell'eiaculazione, quello femminile non lo è affatto, non è facile notarlo, e per molti uomini risulta addirittura difficile notare quando la propria partner sessuale sta andando verso livelli elevati di eccitazione.

Luoghi comuni da sfatare

C'è un solo orgasmo

C'è anche un errore culturale: molti credono che esistano due tipi di orgasmo femminile, quello vaginale e quello clitorideo. La scienza, e in particolare la medicina, ha negli anni scoperto che si tratta di un luogo comune: esiste un solo orgasmo, e nella donna cambia il tipo di stimolazione per raggiungerlo, sfumature di stimolazioni che vanno dal clitoride alla vagina. Quindi, si può dire che nella donna vi sono diverse sfumature di piacere, forti e di intensità non minori di quella dell'orgasmo, soprattutto per effetto della sua maggiore emotività rispetto all'uomo. In realtà, quel che bisogna sapere assolutamente per darle un orgasmo super è che l'orgasmo femminile è provocato dalla sola stimolazione del clitoride. Stimolazione che può essere diretta (orgasmo clitorideo), o indiretta attraverso i tessuti della vagina (orgasmo vaginale).

I segreti del piacere femminile

Stimolare nel modo giusto

Il clitoride è il vero centro del piacere della donna, è sensibilissimo alle stimolazioni, quindi stimolandolo in modo indiretto, ad esempio con sfregamento e pressione del corpo del partner durante una penetrazione, o anche diretto mediante masturbazione o rapporto orale, si può farle raggiungere un orgasmo super realmente soddisfacente. Esaminiamo le fasi principali che permettono ad una donna di raggiungere il massimo del piacere. La prima cosa da fare è la lubrificazione del clitoride. A causa della sua elevata sensibilità, un clitoride asciutto può irritarsi e la sua stimolazione può essere anche fastidiosa. La lubrificazione può essere fatta o con la saliva del partner o con le stesse secrezioni vaginali della donna, ed è anche un gioco erotico eccitante per la coppia, che aumenta l'appetito ed il desiderio sessuale. Quando il clitoride è ben lubrificato, la stimolazione (che può essere sia manuale sia orale) può essere fatta con un massaggio circolare dapprima lento, poi che diviene veloce, poi deve tornare lento, e così via in una alternanza più o meno casuale. E' proprio la variabilità dell'azione stimolante che fa aumentare l'eccitazione, e porta in direzione dell'orgasmo. Naturalmente questa non è una regola generale, ad esempio ci sono donne che preferiscono un movimento verticale, il classico "su e giù", pertanto è fondamentale conoscere bene i gusti e le preferenze della propria partner.

L'orgasmo della donna

Il momento del picco di piacere

Se questa stimolazione viene fatta bene, continuando a lubrificare il clitoride di tanto in tanto, la donna arriva ad una fase detta in medicina "plateau orgasmico", è una fase in cui l'eccitazione diventa persistente, non può più diminuire, come se non si potesse più tornare indietro, ed è il presupposto necessario per raggiungere l'orgasmo. Quando l'orgasmo starà per arrivare, lo si potrà notare da un gesto che viene compiuto da tutte le donne: il sollevamento involontario delle gambe. Quando avviene, è il segnale dell'imminenza dell'orgasmo, e la stimolazione (comunque stia avvenendo) non deve assolutamente interrompersi. Infatti, generalmente l'esplosione dell'orgasmo avviene appena pochi attimi dopo il sollevamento involontario delle gambe. E' accompagnato, quando decresce e termina, da delle contrazioni ano-vaginali involontarie, l'unico segno esteriore, ma non sempre visibile, dell'orgasmo; contrazioni che, dal punto di vista muscolare, sono l'analogo di quelle maschili durante l'eiaculazione. Il modo migliore, dal punto di vista dell'uomo, per sentire queste contrazioni è attraverso la penetrazione, poiché le avvertirà ritmicamente sul pene.

Conclusioni

Come in tutti gli aspetti della sessualità, non occorre conoscere chissà quali tecnicismi, ma conoscere bene la propria partner, cosa le piace di più, e lasciar andare liberamente l'istinto. Conoscere, attraverso il dialogo, il modo che preferisce per essere stimolata aiuta molto, ma è importante saper osservarla, seguire il salire dell'eccitazione e del piacere, condurla ad un orgasmo veramente super.

Luciano

Commenti