Incontrarsi dopo una Relazione Virtuale


Alcuni Profili TOP, verificati manualmente

Aletata (23)
Carolina (26)
Marta (29)
Annalisa (25)
maricol (25)
Monica (27)
Annarita (28)
Manuela (31)
Nadia (31)
Vale92 (24)

Prova il nuovo trend degli incontri casuali, tutti ne parlano in Italia


Articolo del

Sei pronto alla tua Relazione Virtuale? Ecco cosa c'è da sapere su questo mondo fatto di incontri attraverso il web.

Prima si chatta, si parla online. Poi, se il clima è quello giusto, si decide di incontrarsi. Scopriamo come trasformare una relazione virtuale in un incontro face to face.
Tutta la nostra vita è fatta di relazioni. Alcune di queste sono più tangibili, più concrete. Altre, magari, sono mediate dal monitor di un computer o di uno smartphone.

La comunicazione tra i sessi, l'incontro la ricerca di un altro che ci completi, che ci permetta di costruire quel noi tanto desiderato.. e poi ancora il cuore che cerca smanioso la sua metà: in questo consiste la nostra vita. Ci inventiamo scuse per dire a noi stessi che stiamo bene da soli, che in fondo la solitudine non è poi cosi male; la associamo ad una mentalità aperta, all'indipendenza, al timore di ricadere in rapporti sbagliati.

Ma, nonostante tutto, la segreta speranza di imbattersi nell'anima gemella è ancora viva. Perchè nessuno ama stare da solo, perchè l'uomo è un animale sociale e fa di tutto pur di circondarsi di suoi simili.

In questa dimensione di ricerca, di aspettativa, si inserisce l'uso della comunicazione con i nuovi media. Quella forma di comunicazione che, tramite chat e siti di dating, consente di instaurare relazioni virtuali. Ma cos'è veramente una relazione virtuale?

Le relazioni virtuali sono relazioni vere?

Qualcuno direbbe che non esistono relazioni virtuali. Per un avvocato, ad esempio, una conversazione hot in chat può essere interpretata come una forma di tradimento, se uno dei partner è sposato e il coniuge si sente legalmente tradito nel suo vincolo matrimoniale.
Relazione è qualsiasi scambio umano che implichi un legame. Relationem, la parola latina, viene da relatus, legato. Potremmo dunque definire la relazione come una forma di legame, un'interazione meno superficiale delle altre perchè implica un approfondimento dell'esperienza. Anche uno scambio di parole tra sconosciuti è una forma di relazione. Ma l'accezione comune di relazione è qualcosa in più, fa riferimento a un legame di tipo emotivo.

Da quando esiste internet si parla di relazioni virtuali: ovvero relazioni dove la comunicazione è solo digitale, solo verbale, e può mancare totalmente il non verbale o essere mediato da un monitor (via microfoni e webcam). Insomma: quelle relazioni in cui non ci si incontra faccia a faccia.
Per alcuni le relazioni virtuali possono essere più reali (ovvero intense) di quelle presunte reali. Ma dietro le inevitabili osservazioni psicologiche c'è un dato di fatto. Qualsiasi relazione “virtuale”, se vuole fare un salto di qualità, deve diventare “reale”.

Incontrare una persona conosciuta online

Se l'avete vissuto sapete di cosa parliamo. Interagire online con una persona, sentire l'affinità, l'ansia di ricevere una sua comunicazione. Tornare a casa con le palpitazioni mentre si accende il computer, trovare parole di conforto e affetto, intesa e complicità. Desiderare che quella magia possa essere ancora più tangibile, più concreta.
Desiderare di toccare, di vivere a 360° la vostra relazione. Di espandere quel batticuore.

Siamo capaci di mangiare davanti al computer pur di non perdere neanche un minuto della conversazione, della magia. Viviamo in un mondo di aspettative e palpitazioni, tutto ci sembra meraviglioso.

Ma non basta. E il grande passo è uscire. Uscire per verificare la coincidenza tra l'intesa virtuale (che poi virtuale non è) e la concretezza tridimensionale della realtà. Dal monitor alla vita. Il nostro interlocutore ci farà ancora battere il cuore? Baciarsi sarà un'esperienza indimenticabile?
Non ci resta che provare. E incontrarsi, senza esitazioni.


Commenti